Sanificare casa in modo efficace

Sanificare casa in modo efficace

Uno degli insegnamenti più netti scaturiti in seguito all’emergenza Covid 19 è certamente la consapevolezza di dover preservare la sicurezza dei luoghi in cui viviamo. Questo presupposto generale trova la sua attuazione pratica in una maggiore attenzione all’igiene e alla disinfezione frequente degli ambienti che ospitano le nostre attività. Sanificare casa in modo efficace significa, quindi, ridurre al minimo le minacce provenienti da microrganismi che insidiano il nostro benessere quotidiano.

La riapertura delle imprese commerciali e dei luoghi pubblici hanno sancito la fine del lockdown dell’Italia, contemporaneamente l’Istituto Superiore di Sanità ha emanato delle direttive per informare i cittadini sui pericoli del rischio biologico Sars Cov 2 e le misure igieniche per prevenire la crescita dei contagi. Tra queste misure viene attribuita particolare attenzione alla disinfezione degli ambienti e alle tecniche corrette da eseguire per raggiungere gli standard ottimali di sicurezza a tutela della nostra salute.

La forte richiesta proveniente da cittadini e imprenditori nei confronti del mercato della sanificazione ha spinto molte imprese a trasformare, talvolta a improvvisare, i propri processi operativi attratti dalla forte espansione di questo settore. Ciò ha comportato un po’di confusione sia per le tecniche utilizzate sia per i livelli di exepertise, nel campo della sanificazione, talora non all’altezza del compito loro assegnato. Per tutti questi motivi è utile fare un po’di chiarezza sulla tecnologia che caratterizza il settore della sanificazione e sulle procedure utilizzate dalle aziende specializzate.

I vantaggi della sanificazione

Intanto vediamo nello specifico cosa si intende per sanificazione ambientale. Possiamo brevemente riassumere questa attività come un’operazione mirata a ridurre la presenza di batteri, virus, muffe, spore e qualsiasi microrganismo ed agente contaminante che, con le comuni pulizie e detersioni, non è possibile rimuovere. Ha come fine quello di riportare la carica microbica e virale entro degli standard igienici ottimali.

Questo intervento per sortire effetti, ed essere a norma di legge, deve essere condotto negli ambienti periodicamente e con costanza. Attraverso la disinfezione ambientale otteniamo quindi:

  • Abbattimento batteri, virus, muffe, funghi;
  • Abbattimento degli inquinanti chimici/biologici;
  • Eliminazione allergeni;
  • Riduzione particelle fini;
  • Eliminazione cattivi odori;

Le tecnologie utilizzate per la sanificazione dagli specialisti del settore sono essenzialmente 2: nebulizzazione o atomizzazione di alcuni prodotti chimici deputati alla disinfezione degli ambienti. La differenza sostanziale tra queste 2 tecnologie risiede nella grandezza delle gocce del liquido igienizzante che fuoriesce dalla macchina. L’atomizzazione a differenza della nebulizzazione crea delle gocce, nell’ordine del micron, infinitamente più piccole. Ciò rende possibile la diffusione in ogni ambiente e di conseguenza un risultato più efficace.

Come abbiamo già accennato, secondo le disposizioni emanate dall’Istituto Superiore di Sanità, alla tecnologia per la diffusione della soluzione sanificante va associata la scelta del prodotto più efficace. Le sostanze più utilizzate in questa attività sono fondamentalmente solo 4:

  • Perossido di idrogeno
  • Ozono
  • Ipoclorito di sodio
  • Prodotti a base di alcol
Macchina per disinfezione al perossido d'idrogeno Infinity H202
Macchina per disinfezione al perossido d’idrogeno Infinity H202

Il perossido di idrogeno

In questo articolo esamineremo brevemente solo il perossido di idrogeno stabilizzato, poiché totalmente biodegrabile e sicuro. La sua azione è caratterizzata dall’assenza di pericolosità o eventuali danneggiamenti nei confronti di persone o ambienti. Questa soluzione, più comunemente chiamata acqua ossigenata, è un componente naturale che opera la disinfezione dell’ambiente mediante i radicali liberi idrossilici. Una volta liberati nel locale essi iniziano la loro opera di sanificazione attivando un processo di ossidazione che determina la scomparsa dei microelementi biologici presenti nell’ambiente.

Il processo di atomizzazione prevede la loro diffusione attraverso l’aria e infine la caduta, lenta e progressiva, sulle superfici. ciò permette la disinfezione completa del luogo e un alto standard di sicurezza ed efficacia. Tutto il procedimento, grazie ai componenti altamente tecnologici della macchina deputata all’atomizzazione della soluzione, si svolge in poche ore. Ciò favorisce la ripresa rapida delle attività nell’ambiente sanificato, in totale sicurezza.

Continua nella nostra sezione consigli di arredo per scoprire trucchi e tendenze dell’arredamento moderno

Tags

No responses yet

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *